Centro di osteopatia, scuola, clinica e ricerca del trattamento della colonna vertebrale
Tel. 051 095 2375

Reverse hyperextension per il low back pain

di Francesco Pacelli e Alberto Gusella

Molti studi concordano nel ritenere sia presente una diminuzione significativa della endurance muscolare dei muscoli estensori del tronco in pazienti sofferenti di Low Back Pain (LBP) cronico (2,9,10,13,15,21).
Biering-Sorensen (4) riscontrarono come la carente muscle endurance fosse un importante fattore di rischio per il LBP. Altri autori hanno suggerito l’utilizzo di un test valutativo di tale parametro come screening per la selezione di personale coinvolto in lavori pesanti (5).
I muscoli estensori del tronco sono classificabili come muscoli posturali (14). Dato che sono prevalentemente costituiti da fibre di tipo I (22), essi risultano adatti all’esecuzione di attività a bassa intensità ma di lunga durata (17).

Studi di elettromiografia (EMG) riportano che i muscoli paravertebrali di pazienti sofferenti di LBP presentano un indice di maggiore affaticabilità rispetto ai soggetti asintomatici (2,3,12,18,19,21).
I ricercatori hanno attribuito la diminuzione della endurance muscolare nei pazienti con LBP a molteplici fattori tra cui:
– maggiore presenza di metaboliti risultante da tensioni e spasmi muscolari locali prolungati (1)
– maggiore presenza di fibre di tipo II in proporzione alle I (20)
– scarsa coordinazione e diseguale distribuzione della forza dei muscoli estensori del tronco (20)
– decondizionamento, inibizione ed atrofia dei muscoli paraspinali (21), in particolare del multifido (6,16), come conseguenza del dolore e della ridotta attività (15).
Hide et al (8) hanno riscontrato una diminuzione del 31% della sezione trasversa del multifido anche in pazienti con LBP che erano andati incontro a remissione dei sintomi (7)
Infine in un interessante studio cross-sectional che ha preso in considerazione ben 600 persone equamente suddivise in uomini/donne sintomatici/asintomatici, il livello di endurance muscolare degli estensori del tronco è risultata essere la variabile maggiormente correlata al LBP, ben più di fattori come il grado di lordosi lombare, il tilt pelvico, l’eterometria degli arti inferiori e la lunghezza dei muscoli ischiocrurali ed ileopsoas (24).

Spesso e volentieri in atleti sulla via del recupero dal LBP, esercizi mirati (anche) al potenziamento dei paravertebrali come i deadlift, i goodmorning o l’hyperextension posso risultare mal tollerati.

In commercio è da vari anni presente una interessante macchina il cui nome è “reverse hyperextension” la cui invenzione è attribuibile a Louie Simmons, il più noto coach di Powerlifting made in USA. Simmons ideò tale attrezzo allo scopo di velocizzare il suo recupero da un brutto infortunio al rachide lombare che lo tenne lontano dagli allenamenti per un lungo periodo; l’esercizio mira all’allenamento degli estensori dell’anca (fibre profonde del grande gluteo e ischiocrurali) e dei paravertebrali (nel loro principale ruolo di stabilizzatori) con una ridotta compressione dei dischi intervertebrali rispetto a quanto avviene nella classica hyperextension. Tale movimento si rivela ben sopportabile sin dalle prime fasi di rieducazione da infortunio al distretto lombare e lombo-sacrale.

In assenza di tale macchina, Alessandro vi propone nel video sottostante come lavorare sull’endurance muscolare degli estensori del tronco mediante l’esecuzione delle reverse hyperextension alla panca inclinata. Riteniamo che questo esercizio possa costituire una valida proposta sia come prevenzione che come recupero dal LBP, senza infine trascurare un suo utilizzo come finisher nel workout di femorali e schiena.

Enjoy and make the most of it!

Reverse hyperextension per il low back pain

Reverse hyperxtension inclined bench

BIBLIOGRAFIA

1. Armstrong RB. Mechanism of exercise-induced delayed onset muscular soreness: A brief review. Med Sci Sports Exerc. 1984;16:529–538.

2. Ashmen KJ, Swanik CB, Lephart SM. Strength and flexibility characteristics of athletes with chronic low back pain. J Sport Rehabil. 1996;5:275–286.

3. Biedermann HJ, Shanks GL, Inglis J. Median frequency estimates of paraspinal muscles: Reliability analysis.

Electromyogr Clin Neurophysiol. 1990;30:83–88.

4. Biering-Sorensen F. Physical measurements as risk indicators for low back trouble over a one-year period.

Spine. 1984;9:106–119.

5. Cady LD, Bischoff DP, O’Connell ER, Thomas PC, Allan JH. Strength and fitness and subsequent back injuries in firefighters. J Occup Med. 1979;21:269–272.

6. Cooper RG, St Clair Forbes W, Jayson MI. Radiographic demonstration of paraspinal muscle wasting in patients with chronic low back pain. Br J Rheumatol.1992;31:389–394.

7. Hides JA, Richardson CA, Jull GA. Multifidus muscle recovery is not automatic after resolution of acute, first-episode low back pain. Spine. 1996;21:2763–2769.

8. Hides JA, Stokes MJ, Saide M, Jull GA, Cooper DH. Evidence of lumbar multifidus wasting ipsilateral to symptoms in subjects with acute/subacute low back pain. Spine. 1994;19:165–177.

9. Holmstrom E, Moritz U, Andersson M. Trunk muscle strength and back muscle endurance in construction workers with and without low back disorders. Scand J Rehabil Med. 1992;24:3–10.

10. Hultman G, Nordin M, Saraste H, Ohlsen H. Body composition, endurance, strength, cross-sectional area, and density of mm erector spinae in men with and without low back pain. J Spinal Disord. 1993;6:114–123.

11. Ito T, Shirado O, Suzuki H, Takahashi M, Kaneda K, Strax TE. Lumbar trunk muscle endurance testing: An inexpensive alternative to a machine for evaluation. Arch Phys Med Rehabil. 1996;77:75–79.

12. Jayasinghe WJ, Harding RH, Anderson JA, Sweetman BJ. An electromyographic investigation of postural fatigue in low back pain—a preliminary study. Electromyogr Clin Neurophysiol. 1978;18:191–198.

13. Jorgensen K, Nicolaisen T. Trunk extensor endurance:determination and relation to low-back trouble. Ergonomics. 1987;30:259–267.

14. Jull GA, Janda V. Muscles and motor control in low back pain. In: Twomey LT, Taylor JR, eds. Physical Therapy of the Low Back. New York, NY: Churchill Livingstone; 1987.

15. Kankaanpaa M, Taimela S, Laaksonen D, Hanninen O, Airaksinen O. Back and hip extensor fatigability in chronic low back pain patients and controls. Arch Phys Med Rehabil. 1998;79:412–417.

16. Mayer TG, Smith SS, Keeley J, Mooney V. Quantification of lumbar function. Part 2: sagittal plane trunk strength in chronic low-back pain patients. Spine. 1985;10:765–772.

17. Moffroid MT. Endurance of trunk muscles in persons with chronic low back pain: assessment, performance, training. J Rehabil Res Dev. 1997;34:440–447.

18. Nicolaisen T, Jorgensen K. Trunk strength, back muscle endurance and low-back trouble. Scand J Rehabil Med. 1985;17:121–127.

19. Plowman SA. Physical activity, physical fitness, and low back pain. Exerc Sport Sci Rev. 1992;20:221–242.

20. Roy SH, De Luca CJ, Casavant DA. Lumbar muscle fatigue and chronic lower back pain. Spine. 1989;14:992–1001.

21. Roy SH, Oddsson LIE. Classification of paraspinal muscle impairments by surface electromyography. Phys Ther. 1998;78:838–851.

22. Salminen JJ, Oksanen A, Maki P, Pentti J, Kujala UM. Leisure time physical activity in the young. Correlation with low-back pain, spinal mobility and trunk muscle strength in 15-year-old school children. Int J Sports Med. 1993;14:406–410.

23. Thorstensen A, Carlson H. Fiber types in human lumbar back muscles. Acta Physiol Scand. 1987;131:195–202.

24. Nourbakhsh MR, Arab AM. Relationship between mechanical factors and incidence of low back pain. J Orthop Sports Phys Ther. 2002 Sep;32(9):447-60.

Informazioni aggiuntive...