Centro di osteopatia, scuola, clinica e ricerca del trattamento della colonna vertebrale
Tel. 051 095 2375

Allungamento del diaframma e flessibilità della colonna vertebrale

allungamento del diaframma

articolo a cura: Colonna S, Pacelli F, Gusella A

Il diaframma è riconosciuto come il muscolo primario dell’inspirazione che svolge un ruolo importante nella respirazione e regolazione fisiologica del metabolismo. Esso è formato da un tendine centrale a forma di trifoglio che si unisce superiormente con il pericardio fibroso (vedi Diaframma: anatomia) . Le cavità addominale e toracica in cui l’azione diaframmata avviene sono coinvolte nella stabilità e controllo della postura del corpo. Diversi studi (Hodges , Gandevia 2000,  De Troyer et al. 2005)  hanno riscontrato una relazione tra l’attività del diaframma toracico e i muscoli intercostali con la funzione respiratoria e posturale.
Da un punto di vista biomeccanico, l’equilibrio della colonna viene raggiunto dal coinvolgimento di un sistema muscolare locale e uno più globale. Muscoli stabilizzatori con origine o inserzione sulle vertebre (multifido, traverso dell’addome, diaframma, obliquo interno) forniscono la stabilità intersegmentale, mentre i muscoli del tronco più lunghi (erettori spinali, retti dell’addome) sono dedicati ad movimento generale (Granata e Wilson 2001). Quindi, il sistema locale, in cui il diaframma ha un ruolo importante, svolge un’azione di stabilizzazione della postura sia in soggetti sani (Hamaoui et al. 2007; Kuznetsov et al. 2011) sia in pazienti lombalgici (Hamaoui et al. 2002; Janssens et al. 2010).
Sono stati condotti diversi studi (Young et al. 2004, Wicke et al. 2014), nel corso degli ultimi decenni,  sugli effetti dello stretching e hanno fornito evidenza di un aumento del controllo muscolare, della flessibilità e della gamma di movimento. Sebbene tali studi si siano concentrati sui muscoli degli arti inferiori, raggiungendo un alto livello di conoscenze, le caratteristiche biomeccaniche e strutturali del diaframma implicano una difficoltà supplementare. Tecniche finalizzate al diaframma sono state utilizzate per aumentare il movimento nella gabbia toracica e della colonna (Noll et al. 2008, Noll et al. 2009).
Alcune evidenze (Bouchard et al. 2009) supportano una relazione tra l’attività dei muscoli del tronco e il movimento dei muscoli della catena posteriore. Diversi studi (Fernandez-de-Las-Peña’s et al. 2006,  Cunha et al. 2008, Valenza et al. 2015) hanno usato tecniche di stretching tra cui l’allungamento del diaframma per alleviare il dolore della colonna vertebrale, miglioramento della posture (Cunha et al. 2008), stabilità (Fernandez-de-Las-Peña’s et al. 2006) e la lunghezza della catena muscolare posteriore (Valenza et al. 2015). Tuttavia, pochi studi hanno esplorato l’effetto delle tecniche dell’allungamento del diaframma  sulla cinematica della colonna vertebrale.
Tenendo conto della complessa struttura del diaframma e il suo ruolo importante nella catena posturale (Hamaoui et al. 2007), un recente lavoro ( González-Álvarez et al. 2016)   ha verificato gli effetti di una tecnica di allungamento del diaframma sulla cinematica muscolare della catena posteriore e l’escursione della gabbia toracica e addominale  in soggetti sani. Un gruppo di 80 soggetti divisi in due gruppi (43 soggetti trattati, 37 soggetti come gruppo di controllo) sono stati valutati per verificare se l’allungamento del diaframma:

  • migliorava il movimento cervicale e la flessibilità lombare;
  • aumentava la flessibilità della catena posteriore;
  • aumentava il movimento della gabbia toracica  a livello xifoideo.
tecnica manuale di stretching diaframma

fig. 1 – tecnica di allungamento manuale del diaframma utilizzata (González-Álvarez et al. 2016)

I soggetti sono stati assegnati casualmente da selezione di busta sigillata in uno dei due gruppi, un gruppo sperimentale e un gruppo placebo. Dopo essere state prese tutte le misurazioni i soggetti sono stati condotti in un’altra stanza dove hanno ricevuto la tecnica diaframmatica o l’intervento placebo. I soggetti sono stati poi ripresi al primo luogo per le misure post-trattamento.
L’allungamento del diaframma è stato eseguito come descritto in precedenza da Chaitow et al.(2002). Il terapeuta, posizionato dietro al soggetto seduto, passava le mani intorno alla gabbia toracica, introducendo delicatamente le dita sotto i margini costali (fig. 1). Il soggetto fletteva leggermente il tronco per rilassare il muscolo retto. Quando il soggetto espirava, il terapeuta afferrato le coste inferiori e margine costale con le mani le spingeva caudalmente. L’allungamento è stato eseguito una volta e la tensione è stata mantenuta per 5-7 minuti. Nel gruppo placebo è stato applicato nella stessa posizione per 7 minuti un ultrasuono disconnesso.
Le conclusioni a cui arriva questo lavoro sono che l’allungamento del diaframma genera un miglioramento significativo nella cinematica muscolare della catena posteriore misurata mediante il test di Schobere,  il finger-to- floor test, il range di movimento cervicale e l’escursione della gabbia toracica a livello xifoidea immediatamente dopo la tecnica. Al contrario, la tecnica utilizzata come placebo non ha mostrato differenze pre- o post-tecnica in nessuna misurazione. L’analisi tra gruppi ha evidenziato differenze significative della flessione cervicale a destra e a sinistra, la flessibilità della catena posteriore ed escursione gabbia toracica a livello xifoideo. Per ulteriori dati sull’argomento vai all’articolo” Il ruolo dello stretching diaframmatico sulla flessibilità del rachide e sulla escursione della gabbia toracica: quali novità? O meglio… quali conferme?”

Attraverso questa connessione del diaframma alle catene miofasciali del rachide possiamo giustificare i risultati di altre ricerche (Yeampattanaporn et al. 2014) che hanno riscontrato una riduzione significativa dell’intensità del dolore e dell’attività muscolare  del rachide cervicale dopo la rieducazione respiratoria. Il range di movimento cervicale (CROM) e l’espansione della gabbia toracica inferiore erano significativamente aumentate dopo la il trattamento rieducativo. Le conclusioni del lavoro sono state che la rieducazione respiratoria può cambiare i modelli di respirazione e aumentare l’espansione del torace. Questo cambiamento porta ad un miglioramento del CROM, queste conseguenze positive possono derivare dal miglioramento della contrazione del diaframma o per la ridotta attività dei muscoli accessori.
Una recente ricerca ( Beeckmans et al. 2016) di revisione valutando 16 articoli inerenti la connessione tra il mal di schiena (low back pain) e disturbi respiratori riscontra una relazione diretta significativa.
Altre ricerche (Kolar et al. 2012; Janssens et al. 2015), invece, hanno messo in evidenza come una rieducazione del diaframma possa migliorare la sintomatologia relativa al rachide lombare.


Bibliografia

Beeckmans N, Vermeersch A, Lysens R, Van Wambeke P, Goossens N, Thys T, Brumagne S, Janssens L. The presence of respiratory disorders in individuals with low back pain: A systematic review. Man Ther. 2016 Dec;26:77-86. doi: 10.1016/j.math.2016.07.011. Epub 2016 Jul 25

Chaitow L, Bradley D, Gilbert C. Patterns of breathing dysfunction in hyperventilation syndrome and breathing pattern disorders. In: Chaitow L, Bradley D, Gilbert C. Multidisciplinary approaches to breathing pattern disorders. London: Churchill Livingstone; 2002. p. 51-86.

Cunha AC, Burke TN, França FJ, Marques AP. Effectofglobal posture reeducation and of static stretching on pain, range of motion, and quality of life in women with chronic neck pain: a randomized clinical trial. Clinics. 2008;63(6):763- 70. http://dx.doi.org/10.1590/S1807-59322008000600010. PMid:19060998.

De Troyer A, Kirkwood PA, Wilson TA. Respiratory action of th intercostal muscles. Physiol Rev. 2005;85(2):717-56. http://dx.doi.org/10.1152/physrev.00007.2004. PMid:15788709.

Fernandez-de-Las-Peña’s C, Alonso-Blanco C, Alguacil-Diego IM, Miangolarra-Page JC. One-year follow-up of two exercise interventions for the management of patients with ankylosing spondylitis: a randomized controlled trial. Am J Phys Med Rehabil. 2006;85(7):559-67. http://dx.doi.org/10.1097/01. phm.0000223358.25983.df. PMid:16788386.

González-Álvarez FJ, Valenza MC, Torres-Sánchez I, Cabrera-Martos I, Rodríguez-Torres J, Castellote-Caballero Y.  Effects of diaphragm stretching on posterior chain muscle kinematics and rib cage and abdominal excursion: a randomized controlled trial. Braz J Phys Ther. 2016 Jun 16;20(5):405-411. doi: 10.1590/bjpt-rbf.2014.0169.

Granata KP, Wilson SE. Trunk posture and spinal stability. Clin Biomech. 2001;16(8):650-9. http://dx.doi.org/10.1016/ S0268-0033(01)00064-X. PMid:11535346.

Janssens L, Brumagne S, Polspoel K, Troosters T, McConnell A.  The effect of inspiratory muscles fatigue on postural control in people with and  without recurrent low back pain. Spine (Phila Pa 1976). 2010 May 1;35(10):1088-94. dos: 10.1097/BRS.0b013e3181bee5c3.

Janssens L, McConnell AK, Pijnenburg M, Claeys K, Goossens N, Lysens R,
Troosters T, Brumagne S. Inspiratory muscle training affects proprioceptive use and low back pain.Med Sci Sports Exerc. 2015 Jan;47(1):12-9. doi: 10.1249/MSS.0000000000000385.

Hamaoui A, Do Mc, Poupard L, Bouisset S. Does respiration perturb body balance more in chronic low back pain subjects than in healthy subjects? Clin Biomech (Bristol, Avon). 2002 Aug;17(7):548-50.

Hamaoui A, Le Bozec S, Poupard L, Bouisset S. Does postural chain muscular stiffness reduce postural steadiness in a sitting posture? Gait Posture. 2007;25(2):199-204. http:// dx.doi.org/10.1016/j.gaitpost.2006.03.012. PMid:16697201.

Hodges PW, Gandevia SC. Changes in intra-abdominal pressure during postural and respiratory activation of the human diaphragm. J Appl Physiol. 2000;89(3):967-76. PMid:10956340.

Kolar P, Sulc J, Kyncl M, Sanda J, Cakrt O, Andel R, Kumagai K, Kobesova A.J Orthop Postural function of the diaphragm in persons with and without chronic low back
pain. Sports Phys Ther. 2012 Apr;42(4):352-62. doi: 10.2519/jospt.2012.3830.

Kuznetsov NA, Shockley KD, Richardson MJ, Riley MA. Effect of precision aiming on respiration and the postural-respiratory synergy. Neurosci Lett. 2011 Sep 8;502(1):13-7. doi: 10.1016/j.neulet.2011.07.012.

Noll DR, Degenhardt BF, Johnson JC, Buró SA. Immediate effects of osteopathic manipulative treatment in elderly patients with chronic obstructive pulmonary disease. J Am Optom Assoc. 2008;108(5):251-9. PMid:18519835.

Noll DR, Degenhardt BF,Johnson JC, Burt SA.The immediate effect of individual manipulation techniques on pulmonary function measures in persons with COPD. Osteopath Med Prim Care. 2009;3(1):9. http://dx.doi.org/10.1186/1750-4732- 3-9. PMid:19814829.

Souchard P-E, Meli O, Sgamma D, Pillastrini P. Rieducazione posturale globale. Paris: Elsevier Masson SAS; 2009. Medicina Riabilitativa, 26-061-A-

Valenza MC, Cabrera-Martos I, Torres-Sánchez I, Garcés-García A, Mateos-Toset S, Valenza-Demet G. The Immediate Effects of Doming of the Diaphragm Technique in Subjects With Short Hamstring Syndrome: A Randomized Controlled Trial. J Sport Rehabil. 2015. Nov;24(4):342-8. doi: 10-1123/jsr.2014-0190. http://dx.doi.org/10.1123/ JSR.2014-0190

Wicke J, Gainey K, Figueroa M. A comparison of self- administered proprioceptive neuromuscular facilitation to static stretching on range of motion and flexibility. J Strength Cond Res. 2014;28(1):168-72. http://dx.doi.org/10.1519/ JSC.0b013e3182956432. PMid:23588485.

Yeampattanaporn O, Mekhora K, Jalayondeja W, Wongsathikun J. Immediate effects of breathing re-education on respiratory function and range of motion in chronic neck pain. J Med Assoc Thai. 2014 Jul;97 Suppl 7:S55-9.

Young W, Clothier P, Otago L, Bruce L, Liddell D. Acute effects of static stretching on hip flexor and quadriceps flexibility, range of motion and foot speed in kicking a football. J Sci Med Sport. 2004;7(1):23-31. http://dx.doi. org/10.1016/S1440-2440(04)80040-9. PMid:15139161.

Lascia un commento

Informazioni aggiuntive...